ACCADEMIA VESUVIANA DEL TEATRO E CINEMA

NEWS

LA DODICESIMA NOTTE

La dodicesima notte di W. Shakespeare

La Talentum Production presenta uno dei capolavori di Shakespeare “La dodicesima notte” che andrà in scena il 21 aprile, 10, 17 e 18 maggio 2024 presso il Teatro Instabile Napoli.

Con Gianni Sallustro, Nicla Tirozzi, Tommaso Sepe, Alessandro Cariello, Davide Cariello, Nancy Pia De Simone, Vincenza Granato, Luigi Guerra, Noemi Iovino, Domenico Liguori, Carlo Paolo Sepe, Salvatore Ciro Tufano, Gennaro Zannelli.

Adattamento e Regia Gianmarco Cesario

Costumi Melissa De Vincenzo

Audio Claudia Fusaro

Disegno Luci, Grafica, Ottimizzazione Marcello Radano

Assistenti alla regia Maria Crispo e Lucia Saviano

 

📍 Teatro Instabile Napoli

     Vico del Fico al Purgatorio 38

 

🗓   Dom 21 aprile 2024, ore 18:00

       Ven 10 aprile 2024, ore 20:00

       Ven 17 aprile 2024, ore 20:00

       Sab 18 aprile 2024, ore 20:00

 

☎ Info e prenotazioni:

(whatsapp)   3383015465

“La dodicesima notte” è una commedia dal ritmo frenetico, corale, fondata sugli equivoci, sugli scambi di identità e di genere. Collocata alla fine del regno di Elisabetta I, segna il culmine della stagione delle commedie d’amore di Shakespeare e precede quella delle grandi tragedie. Il titolo allude alla festa della dodicesima notte (corrispondente all’Epifania) chiamata in questo modo per il numero dei giorni (12) che trascorrono dal Natale fino alla festività.

La trama de La dodicesima notte (o quel che volete) narra la storia di due fratelli gemelli, Viola e Sebastian, naufragati sulle coste dell’Illiria, antica regione dei Balcani occidentali. Ciascuno dei due crede che l’altro sia morto nel naufragio.

NAPOLI, GRANDI AUTORI E QUALCUNO DI STRAMACCHIO

“NAPOLI, GRANDI AUTORI E QUALCUNO DI STRAMACCHIO”

Viaggio di piacere nel teatro napoletano

 

Di e con Benedetto Casillo

e con Enza Barra e Luciano Piccolo

Ricerche musicali di Teresa Di Monaco

 

📍 Teatro Instabile Napoli

     Vico del Fico al Purgatorio 38

 

🗓   sab 6 aprile 2024, ore 20:00

       dom 7 aprile 2024, ore 18:00

 

☎ Info e prenotazioni:

(whatsapp)   3383015465

 

Si parte da Antonio Petito, padre riconosciuto del Teatro dell’800 ( da una considerazione di P.P.Pasolini). Benedetto Casillo mette in scena un breve mix di due farse (Tutti avvelenati e Inferno, purgatorio e paradiso di Felice Sciosciammocca).

In sequenza si assaporano le suggestioni di brani di Totò e Viviani.

Segue un omaggio a Luciano De Crescenzo.

Di arriva alla struggente drammaturgia di Enzo Moscato.

Tra tanto ben di Dio, ci si imbatte, ahimè, in qualche intrusione di qualche autore di stramacchio.

Di stramacchio vuol dire “inopportunamente”, “furtivamente”…da imboscati.

Ma sia di un peccato veniale.

L’imboscato, il clandestino, nel nostro caso è lo stesso Benedetto Casillo che ha l’ardire di propinare al pubblico alcuni pezzi del suo repertorio.

Ma alla fine siamo certi che il pubblico saprà perdonarlo.

Già, perché è risaputo che a Napoli la gente è di cuore buono.

Buon viaggio.

E’ VIVO ANCORA – LA PASSIONE

“E’ VIVO ANCORA – LA PASSIONE”

di Fulvia Serpico e Mikele Buonocore

con Francesca Morgante, Ivan Piccolo

e la partecipazione straordinaria di Caterina Potrandolfo

Danzatori:

Lucia Viglietti e Marco Protano

 

📍 Teatro Instabile Napoli

     Vico del Fico al Purgatorio 38

 

🗓   giov 28 marzo 2024, ore 19:00

 

☎ Info e prenotazioni:

(whatsapp)   3383015465

 

“È vivo ancora- La passione” è uno spettacolo di musica, teatro e danza incentrato su un racconto storico la Passione di Cristo, questa volta però raccontata attraverso gli occhi e le emozioni di due personaggi diversi: quello dell’apostolo Pietro e quello di Claudia Procula, moglie di Ponzio Pilato.

Non si vuole parlare solo della Passione di Cristo come un percorso di morte e poi di Resurrezione. Si vuole parlare, anche, di ciò che il Cristo, che incarna il supremo istinto dell’uomo all’Amore e alla condivisione, lascia nel mondo di oggi, nella contemporaneità. È una riflessione su molti aspetti della vita quotidiana, sulle sofferenze di tutti e non solo degli “ultimi”. Protagonista del racconto messo in scena e in musica è “l’umanità”. L’umanità che à costretta a fare i conti quotidianamente con il male, il degrado, le disuguaglianze, le discrepanze umane e sociali che influenzano le scelte politiche e molto altro ancora. É una riflessione per tutti, un invito a non guardare altrove o a distogliere l’attenzione pur di non affrontare la realtà. Un invito a guardare meglio in noi stessi e a trovare le risposte a tante vicende proprio nell’importanza delle emozioni.

ENRICO, INQUILINO DEL IV PIANO

“ENRICO, INQUILINO DEL IV PIANO”

di T. Russo e M. Brancaccio

Regia: Aurelio Gatti

Con:

Mario Brancaccio, Lello Giulivo

Simona Esposito, Rita Corrado

Miriam Della Corte

 

📍 Teatro Instabile Napoli

Vico del Fico al Purgatorio 38 – Napoli

 

🗓   sab 23 marzo 2024, ore 20:00

dom 24 marzo 2024, ore 18:00

 

☎ INFO E PRENOTAZIONI: 3383015465

 

Enrico, maestro e bibliotecario, che riceve contemporaneamente quattro avvisi di taglio:

della linea telefonica, dello stipendio per un errore di calcolo, del posto di lavoro, dell’abbonamento.

Sottrazioni attraverso le quali scopre la sua inadeguatezza nell’affrontare la realtà e l’isolamento in cui opera, nella vita come nel lavoro.

Da qui il tracollo, quasi a sfiorare la follia, che si confronta con la lucida e crudele durezza di Assunta, la portinaia dello stabile che lo ha accolto per pietà nel suo seminterrato.

La donna, sentenzia frammenti letti di nascosto tra le montagne di appunti del Signor Enrico: “Il vero pazzo è colui che si maschera di ciò che gli pare d’essere e non è e non colui che ha compreso l’assoluta inautenticità di ogni esistenza”. Neanche la fuga nel sogno sortisce esito migliore: “Se i sogni avessero regolarità, noi non sapremmo più distinguere il sonno dalla veglia! Che sogno è? un fatto che si ripete più volte? Sarebbe un’altra “realtà”, camuffata, perché tutta la nostra vita è sospesa al filo sottilissimo della regolarità/ripetizione delle nostre esperienze”.

Mille pensieri, mille dialoghi frettolosi e interrotti  con il “Condominio”, mille soluzioni naufragate nel confronto con Assunta, sfiorando l’idea nietzchiana di “relatività”, in cui la realtà è un gioco di forme illusorie in cui non è possibile conoscere la verità, lambendo la visione  yunghiana  di “persona” in cui ogni “individuo” indossa una maschera in determinate circostanze per rispondere alle richieste del mondo esterno  e il cui uso eccessivo può sfociare nell’annullamento della personalità…..

E poi siamo a Napoli …. dove la cronaca, anche la più scabra,  diventa sempre “minutaglia” al confronto con la grande storia, fatta né di epoche né di vicende, ma di mondi e umanità persistenti e paralleli… e quindi  la maschera – o più maschere –  necessarie per fronteggiare situazioni, in una realtà estremamente labile che non permette di acquisire la conoscenza di chi ci sta attorno e , alla lunga, nemmeno di noi stessi: “Ci illudiamo di comprendere appieno chi è di fronte a noi, fino a quando un evento casuale fa crollare immancabilmente il castello di carte che avevamo creato…”.

“La tragedia della poesia in questo brutale mondo moderno”, annuncia infine Enrico, “ci piacerebbe che si concludesse con uno smembramento totale, la fine dell’arte, degli uomini, dell’amore… Ma che siamo? Dei?… qua non finisce niente e non passa niente…”

L’INFINITO DEI CAMPI DI GRANO

“L’INFINITO DEI CAMPI DI GRANO”

di Giancarlo Moretti

Con Michelangelo Nari e Roberto Michelangelo Giordi

Regia: Giancarlo Moretti

Canzoni e Musiche di Roberto Michelangelo Giordi

 

📍 Teatro Instabile Napoli

     Vico del Fico al Purgatorio 38 – Napoli

 

🗓   ven 22 marzo 2024, ore 20:00

 

☎ INFO E PRENOTAZIONI: 3383015465

 

Tratto liberamente dal libro di racconti “Aliene sembianze” – Edizioni Mariù

di Roberto M. Giordi

 

Giorgio è un ragazzo di provincia alla ricerca della propria identità e del proprio posto nel mondo. Come un Ulisse dei nostri tempi viaggia alla ricerca di un approdo che stenta a trovare in una società immemore della meraviglia e dell’incanto.

Dal borgo natio a Napoli, da Napoli a Parigi e poi a ritroso, fino al centro del proprio inconscio, Giorgio, attraverso le voci della propria interiorità, ci racconta la sua odissea. Il percorso alla ricerca della sua identità corrisponde forse al caos del mondo che ha ormai perduto la memoria dell’infinito dei campi di grano.

MI MANDA (ANCORA) PICONE

MI MANDA (ANCORA) PICONE ”

di Elvio Porta

con Carmen Femiano e Edoardo Puccini

adattamento e regia Carmen Femiano

 

📍 Teatro Instabile Napoli

     Vico del Fico al Purgatorio 38 – Napoli

 

🗓   sabato 2 marzo 2024 , ore 20:00

☎ INFO E PRENOTAZIONI: 3383015465

 

Un concerto di parole e musica.

Parole tratte dal romanzo che precedette la sceneggiatura del film.

Un romanzo diviso in otto capitoli, ciascuno con una piccola prefazione, una sorta di sintesi di Napoli e dei Napoletani “Secondo Picone”.

Parole che urlano il dolore e lo smarrimento di una Napoli e dei Napoletani derubati della propria vita.

Parole che parlano “di questa realtà che ogni giorno di più toglie la speranza ai deboli per renderli ancora più deboli”.

Parole parlate con la comicità che nasce dall’involontaria (?) auto-ironia del disincanto.

Parole appassionate gremite di sapori amari in bilico fra sdegno e ironia. E Musica.

Musica che non ha paura di cantare la tradizione senza limitarsi alla tradizione, cercando nella musica il teatro, guardando ad ogni canzone come a un momento di emozione da comunicare con la voce e una chitarra.

Un concerto spettacolo “spartano”, un confronto quanto mai diretto con il pubblico.

 

MARAMME’

“ MARAMME’ ”
Regia di Gigi Savoia
Con Sasà Trapanese

📍 Teatro Instabile Napoli
Vico del Fico al Purgatorio 38 – Napoli

🗓 domenica 25 febbraio 2024 , ore 18:30

☎️ INFO E PRENOTAZIONI: 3383015465

Caverne, cunicoli silenziosi sotto i palazzi secolari del centro. Dall’alto, un cono di luce fende il buio e colpisce il fondo del pozzo, il grembo muto della memoria. In scena, un uomo, Marammè, una figura evocata dal passato, come un fantasma, per parlare ai suoi fantasmi e rivivere la sua tragedia, il suo dramma: l’uccisione del fratello Giacomino, cui Marammè assiste di nascosto e di cui non rivelerà mai i colpevoli.
Il senso di colpa di Marammè si sviscera in un racconto che arriva, come un’eco, dal fondo del pozzo in cui Marammè precipitò quando era bambino e in cui egli ritorna con la memoria per ritrovare l’amore della madre e la protezione del suo grembo. Ogni giorno Marammè si abbandona ad un raggio di luce che viene dall’alto e in cui egli s’immerge e torna ad essere figlio concepito e ancora chiuso nel feto, in quel grembo sicuro il cui palpito più doloroso ci ha smarriti tutti.
Nel suo quotidiano delirio, Marammè comunica la sua angoscia di sopravvissuto alla malavita dei vicoli, che trascina nel fango della miseria morale, dove la morte è sempre in agguato a brandire la sua scure.

IL VIAGGIO

“IL VIAGGIO”
Regia di Mario Pirera

📍 Teatro Instabile Napoli
Vico del Fico al Purgatorio 38 – Napoli

🗓 sabato 17 febbraio 2024 , ore 20:00
domenica 18 Febbraio 2024 , ore 18:00

☎️ INFO E PRENOTAZIONI: 3383015465

Un viaggio è un sogno che diventa realtà.
La realtà che assume i connotati fantastici dell’immaginazione,
dove i desideri sembrano avverarsi e, qualche volta, si avverano.
La vita, allora, diventa un viaggio fatto di emozioni
attraverso i luoghi dell’eternità che travalicano e sconfiggono la morte.
L’amore è un viaggio.
Ispirato liberamente e parzialmente al “Convito” di Platone (discorso di Aristofane e di Socrate), il lavoro, strutturato in quadri, è una riflessione sul “DIO AMORE”, sulla Vita, sulla Morte.
I protagonisti sono gli esseri umani.
Sulla scena una Dama Misteriosa si muove con assoluta libertà, apparentemente incurante degli altri
personaggi, che non sono in grado di vederla ma solo, in qualche modo, di percepirne la presenza.
La Dama interagisce con i protagonisti determinandone o condizionandone le azioni, le scelte, e mette in scena tutto ciò che, nella vita degli uomini e quindi dei personaggi, può essere inteso come aridità, rinuncia, meschinità, sopraffazione, …, morte.

MA QUESTE SON PAROLE!

MA QUESTE SON PAROLE
CANZONI D’AUTORE EDITE E INEDITE è il nuovo spettacolo,
firmato dal cantautore napoletano Marco Francini.
📍 Teatro Instabile Napoli
Vico del Fico al Purgatorio 38 – Napoli
🗓 venerdì 2 febbraio 2024 , ore 20:00
☎️ INFO E PRENOTAZIONI: 3383015465
Le Parole, filo conduttore del susseguirsi di canzoni d’autore inedite di Marco Francini con omaggi a Domenico Modugno, Ennio Morricone, Pier Paolo Pasolini a Totò che tante belle poesie ha regalato alla musica.
Parole allegre, nostalgiche, taglienti e irriverenti che raccontano il sentire umano.
Uno spettacolo ricco di atmosfere che richiamano un teatro-canzone intriso di sapore world music grazie agli originali arrangiamenti musicali. Pillole ricche di ironia, storia, umorismo e leggerezza.
Marco Francini, voce e chitarra,
Marco di Palo al violoncello,
Roberto Trenca alle chitarre e ai plettri
per uno spettacolo brioso e ricco di “PAROLE D’AUTORE”.

TERAPIE E BUGIE

“TERAPIE E BUGIE”

Due atti unici scritti e diretti da Salvatore Majorino

📍 Teatro Instabile Napoli

     Vico del Fico al Purgatorio 38 – Napoli

🗓   Domenica 28 Gennaio 2024, ore 20:30

☎  INFO E PRENOTAZIONI: 3383015465

 

Nel primo atto alcuni “disagiati” sono alle prese con una terapia di gruppo. Rosyna è una giovane ragazza logorroica e impenitente, Marco è un ipocondriaco e maniaco del pulito, Leone un omosessuale latente, Rossella si esprime con gli altri solo citando frasi cinematografiche. Quel giorno ad attenderli c’è un nuovo terapista che, con fare nuovo e suadente, cambierà le loro vite. Finale a sorpresa. Nel secondo atto un serial killer tiene in ostaggio la sua psichiatra, ripercorrendo la sua vita, tra delitti, sogni infranti ed un’infanzia segnata da un susseguirsi di eventi catastrofici.

Terapie e bugie è un invito a guardarsi dentro con occhi vergini.

Con Roberta Raguzzino, Federica Grimaldi, Anna Damasco, Peppe Carosella, Antonio Cilvelli, con la partecipazione di Danilo Rovani

INFO E CONTATTI

Richiedi un appuntamento

SEDE ACCADEMIA

via Ferrovie dello stato 144 – OTTAVIANO (NA)

TIN – Teatro instabile napoli

Vico del Fico al Purgatorio 38 – NAPOLI

TELEFONO

081 5289461

  3313532137

  3383015465

MAIL

infoaccademia@blu.it